Special

La Domenica Retro Di Isma92 (Update - 11/10/2016)

Pubblicato da Isma92 11/10/2016 - 17:52
Quest'oggi inauguriamo una nuova rubrica di Gamescollection.it! Visto che ogni Domenica mi dedico ai Retrogame, mi è venuto in mente di fare proprio una rubrica settimanale dove analizzo brevemente i titoli che gioco, descrivendo quindi le mie folli imprecazioni con i vari giochi retro Old School. Giochi dal classico Trial and Error (ma non sempre) che mi fanno sclerare e tirar giù tutti i santi. L'idea nasce grazie ad un amica che mi ha dato l'ispirazione.

Spero che l'idea sia gradita e che magari questo Special possa anche tornare utile per conoscere nuovi titoli.

Update - 11/10/2016 - Metal Slug Anthology (Maratona): Part 1
Update - 29/07/2015 - Shenmue: Part 3
Update - 20/07/2015 - Shenmue: Part 2
Update - 06/07/2015 - Shenmue: Part 1
Update - 15/06/2015 - Contra: The Hard Corps
Update - 22/05/2015 - Rayxanber II & III

Update - 12/05/2015 - Matendouji
Update - 05/05/2015 - Akumajou Dracula X: Chi No Rondo

Episode #05 - Contra: The Hard Corps

15 Giugno 2015

E dopo un piccolo periodo di assenza, dovuto a vari impegni personali e mancanza di tempo da dedicare al Retrogaming, eccomi di ritorno con il consueto appuntamento della mia Domenica Retro. Questa volta è il turno del non per nulla complicato, Contra: The Hard Corps (conosciuto come Contra: Hard Corps in America e – censurato ridicolmente – Probotector in Europa), sesto episodio della famosa saga di Konami, ambientato circa cinque anni dopo gli avvenimenti di Contra Spirits (conosciuto in America come Contra III: The Alien Wars). La differenza sostanziale di questa versione (la giapponese) è che i Continue dopo il Game Over sono infiniti, ma soprattutto che è necessario subire tre colpi per perdere un'extra life, a differenza della versione USA dove un colpo e sei fritto. Quello che non riesco dunque a concepire è perché rendere il gioco così proibitivo in America e in Europa (che già di per se, la versione PAL è da buttare non solo per i ridicoli 50Hz dell'epoca, ma soprattutto per 'ste censure proprio del GAZ, sostituendo tutti i personaggi coi mech e modificando dialoghi, scenari e quant'altro... tagliando pure alcune cose). Avrei capito questa scelta se venivano imposti vari livelli di difficoltà, allora sarebbe stata una scelta saggia e quindi la modalità con Continue limitati e morte immediata con un colpo avrebbero avuto un senso, poiché sarebbe stata una modalità difficile per coloro che amano le sfide estreme. Invece no, vengono fatte cose veramente idiote!

http://www.gamescollection.it/uploads/special/medium/m_1433859560294494.jpg


Ma comunque, lasciam da parte le lamentele così che vi racconti la mia esperienza con questo ostico (ma non impossibile come la versione USA) titolo. Innanzitutto, cosa molto interessante di questo episodio di Contra, è la possibilità di poter scegliere ben 4 personaggi. La particolarità della scelta non è solo estetica, infatti ognuno di essi avrà abilità differenti a seconda delle armi che equipaggia (determinate dalle famose lettere C, F, S e così via); solo l'arma primaria standard è uguale per tutti. Io sono andato sul classico Ray che ha le abilità più standard (nonché la mia amata S del tipo preferito). Contra, per quei poveri stolti che ancora non lo sapessero, è un classico Run and Gun e The Hard Corps aggiunge qualche piccolo elemento shmup. Il gioco inizia subito con esplosioni e macelli vari e ad accompagnare (e gasare) il tutto vi è una bellissima colonna sonora molto elettro-rock, grazie anche ai chip audio del Mega Drive che pur non essendo i migliori, coloro che li hanno saputi sfruttare bene hanno davvero fatto miracoli, nonché lavori di una certa qualità e rilevanza (vi basti ricordare Thunder Force III, del quale ve ne parlai al primo appuntamento di questa rubrica e di come fosse una spanna sopra alla versione SNES in tutto e per tutto, anche dove non sarebbe dovuto esserlo). Contra: The Hard Corps fa subito sul serio già al primo stage, dove se non si è tanto preparati ed un pochino veterani del genere, le morti arrivano praticamente subito. La difficoltà poi incrementa man mano da stage a stage, ma dove questo capitolo dà il meglio di se è nelle mitiche Boss Battle, le quali sono non solo veramente ostiche, ma anche lunghe e complesse... Una vera e propria goduria, insomma, anche se però prima arriveranno le classiche bestemmie per non essere riusciti a capire come affrontare il boss. Tuttavia, dopo alcuni tentativi – chi più chi meno – diventa poi chiaro cosa fare e bisogna solo riuscire a sconfiggereli, ovviamente l'abilità non deve mancare, perché qui siamo ai livelli dei più classici trial and error e pur avendo tre slot di energia, tre errori significano morte. Le difficoltà maggiori le ho riscontrate contro il boss del quarto stage, il quale mi ha messo davvero in difficoltà. Quel bastardo mi fregava praticamente SEMPRE alla sezione finale della battaglia. Però una volta capito come affrontarlo, poi tutto è filato liscio, ma le imprecazioni sono state tantissime. In ogni caso, vedendo appunto la complessità nonché la difficoltà delle Boss Battle di questo titolo, non riesco proprio a capire chi siano i folli che siano riusciti a finirlo in versione USA. Nonostante tutto, è una sfida che un giorno voglio fare, però davvero la versione americana è un palo su per il... ci siam capiti, spero! Ribadisco il concetto di settare vari livelli di difficoltà, invece hanno reso il gioco veramente impossibile e non a caso la versione USA di questo capitolo di Contra rientra – almeno per quanto mi riguarda – di diritto tra i giochi più difficili della storia. L'originale JAP, invece, è abbordabile per tutti... anche se comunque non lo consiglio ai neofiti del genere, poiché magari lo riescono anche a portare a termine, ma probabilmente dopo dieci ore di tentativi, Game Over e pad lanciati dalla finestra! Altra cosa particolare di questo episodio sono le multiscelte poste in alcuni stage, le quali permettono di percorrere delle strade alternative e quindi affrontare livelli differenti e ciò comporterà la possibilità di finire il gioco con finali alternativi.
Io l'ho finito due volte, e non mi è chiaro se siano più di due finali... però non so se ce ne possa essere anche un terzo o addirittura un quarto, dato che le scelte te le fa fare solo in un paio di occasioni. Per tal motivo è sicuramente da rigiocare e provando per bene anche gli altri personaggi. Questo titolo, inoltre, dispone di tante particolarità interessanti e fa rullare veramente tanto il Mega Drive a livello tecnico. Di gran lunga superiore a Contra Spirits per Super Famicom, quindi se ci fosse ancora la sfida SEGA Vs Nintendo (aaah... Bei tempi!), qui il punto andrebbe mille volte a SEGA (e lo dico da Nintendaro... l'obiettività non deve mai mancare).

Dallo screen non si nota, ma le due teste di questo boss hanno un lungo collo e fanno somigliare il tutto a... ok, ci siam capiti! Menti perverse sti giappici!!
http://www.gamescollection.it/uploads/special/medium/m_1434032815079947.jpg

http://www.gamescollection.it/uploads/special/medium/m_1433859617127084.jpg


Insomma, cari lettori, la mia esperienza con questo titolo è stata veramente soddisfacente Ho imprecato, bestemmiato, però mi sono anche divertito moltissimo, perché il gioco è fantastico e credo di non esagerare dicendo che si tratti del miglior capitolo della saga! La caratterizzazione dei boss è superba (anche se quello nello screen sopra forse non ispira questa fiducia...) e gli stage sono tutti straordinari! La soundtrack poi è veramente di gran livello e riesce a donare la giusta dose di carica ed adrenalina per affrontare questo titolo (ve la linko tutta quanta, poi è possibile anche ascoltare le tracce singolarmente nel gioco: CLICK ) e il livello di sfida è davvero appagante... nella versione JAP almeno, perché è, soprattutto, fattibile. La versione USA è ingiocabile, credetemi! Certo, è possibile finirlo, ma è veramente per i malati del genere! La versione PAL, invece, fate finta che non esista... io non la considero nemmeno!
E questo è tutto! Spero che questo appuntamento vi sia piaciuto e che sia perdonato per il ritardo. Non mi resta che salutarvi e rimandare l'appuntamento alla prossima settimana (sperando di non ritardare, questa volta)!

Abbiamo pubblicato questo Lunedì e non quello scorso per alcuni problemi tecnici col sito che fortunatamente abbiamo risolto! Ci scusiamo per l'inconveniente!

Commenti