Special

E3 2014 - In pillole

Pubblicato da Jurik360 23/06/2014 - 11:27
L'E3 di quest'anno si è abbondantemente esaurito, ma cosa è rimasto? Quali sono i tratti salienti, quelli da tenere a mente per la stagione invernale e soprattutto per il prossimo, cruciale, 2015?
Vediamo insieme cosa porterà con sé la nextgen nella stagione di gaming 2014/2015!

Conclusioni

Ebbene sì! Anche quest'anno si è conclusa la più grande fiera videoludica di sempre dedicata ai videogiochi. Dopo la lunga attesa, possiamo finalmente tirare le somme sull'evento in questione. Sicuramente, tra le varie conferenze, ci sarà colui che è rimasto più colpito da una rispetto ad un'altra, chi le ha apprezzate tutte o chi invece è rimasto deluso in tutto e per tutto. Una cosa però è certa: di giochi ne sono stati annunciati parecchi, unico problema è il fatto che la maggior parte vedrà la luce l'anno prossimo.
Ma ecco i nostri pareri in merito a questo E3 2014. Si tratta di opinioni puramente personali... semplici punti di vista.

Punto di Jurik360
Come sempre l'E3 attira (giustamente) le attenzioni del popolo di internet, ma è evidente che l'hype generato nel periodo pre-E3 ha portato ad una serie di reazioni negative o deludenti tra molti spettatori.
Microsoft ha, come di consueto, aperto la kermesse e credo che il messaggio di Phil Spencer sia stato quello più corretto e giusto da dare per descrivere l'intero evento: "Stiamo facendo il meglio e sia noi [Microsoft] che Sony (e le altre) lavoriamo per fornire ai giocatori i giochi migliori, più innovativi.."

Dopotutto la partenza di questa nextgen ha avuto ombr un pò su tutti i fronti...e forse il periodo più maturo per vederla fiorire sarà il 2015...

La volontà è chiara: far decollare questa nextgen che nel primo anno ha decisamente stentato.
Le esclusive ci sono, i titoli interessanti non mancano, quindi non mi lamenterei più del dovuto: cito Splatoon, Evolve, Destiny, Sunset Overdrive, Crackdown, The Order 1886, Uncharted 4, The Witcher 3, The Legend of Zelda, MGSV The Phantom Pain, Mortal Kombat X...non mi pare sia poco materiale (citando i maggiori).
Diamo per scontati i blockbaster (Assassin's Creed, Call of Duty, FIFA...),ma non dobbiamo sottovalutare i tanti o ottimi Indie, che hanno ricevuto la giusta spinta e il dovuto supporto (finalmente): giusto per accontentare sia i fan PS4 che quelli XboxOne cito No Man's Sky e Ori and the Blind Forest.

Nintendo dal canto suo ha mostrato la stessa volontà di uscire da una crisi nella quale è impantanata da tempo, quindi speriamo che WiiU mostri gli artigli e offra un ventaglio di titoli che possa davvero accontentare tutti i palati.

Impostanzione delle singole conferenze, il panorama generale vede a mio avviso parecchia carne al fuoco: direi che le premesse ci sono tutte, sia per offrirci un'interessante finestra autunnale, sia per un 2015 che credo vedrà la maturità di tutti i nuovi sistemi nati ormai 8 mesi fa.

Ci vuole ottimismo: la Storia (videoludica) ce lo insegna e guardando a ritroso direi che questa nextgen ha le carte in regola per darci grandi soddisfazioni!



Punto di Isma92
Quest'anno le conferenze delle tre big (anche se quella Nintendo non è proprio da definire tale) sono state tutte di buon livello, con tanti annunci e, soprattutto, giochi. Come già ribadito, uno dei problemi principali è che la maggior parte dei prodotti sono slittati al 2015, ma quel che conta è che la next gen c'è!

Personalmente, ritengo che Nintendo sia stata la più interessante tra le tre: tantissimi titoli e tutti unici ed originali tra loro. Seppur Sony e Microsoft abbiano annunciato giochi di una certa importanza e spessore, noto che prediligono i soliti generi ormai noti come FPS, Survival e TPS (eccezion fatta per qualcosa in particolare). Prodotti validissimi sulla carta, ma pochi sono quelli che spiccano di originalità. Per questo motivo posso affermare che Nintendo sia tornata e in grande stile, mostrando tantissimi titoli, tutti differenti tra loro; tra questi troviamo anche prodotti di una certa originalità, come ad esempio Captain Toad, oppure lo splendido Yoshi Woolly World, per non parlare dello strambo Splatoon. 

Quel che comunque risulta importante è che Wii U sarà veramente una console per tutti. Non al passo con gli hardware di Sony e Microsoft, ma sulla quale possiamo trovare giochi per ogni genere e un Game Pad sempre più sfruttato a dovere. Tra le nuove uscite di quest'anno, ma soprattutto del prossimo (che non sarà solo Zelda, il che è tutto dire) e quel che già è disponibile sulla console di Nintendo, ce n'è veramente per tutti i gusti; per cui ora non ci si può proprio lamentare di Wii U, la quale risulta sicuramente una console da acquistare... se si è veramente appassionati di videogiochi.
Detto questo, anche Sony e Microsoft hanno droppato le loro bombe e da videogiocatore posso ritenermi certamente soddisfatto, perché le tre console avranno a disposizione tantissimi titoli, dando così un senso di acquisto per ognuna di esse, il che è la cosa più importante.
In conclusione, quindi, dico che Nintendo abbia avuto una marcia in più, ma l'E3 in generale è stato comunque molto soddisfacente (tralasciando conferenze soporifere come Ubisoft o EA).

Commenti