Recensione

E-SWAT City Under Siege

Pubblicato da grunge 16/02/2008 - 20:10

Balzar, l'infausto scienziato malvagio, ha impiegato il suo genio e la sua forza per la creazione di un'armata di ruffiani che sembrano inarrestabili! L'unica cosa che separa il mascalzone dal controllo della città è ESWAT tattiche e armi speciali perfezionate! Guidate il soldato ESWAT nei quartieri generali nemici e fermate Balzar nei suoi intenti! Balzar è riuscito a creare una nuova ed enorme organizzazione criminale e la sta controllando nascosto nel suo inaccessibile covo. Una sera, un normale ufficiale di polizia stava camminando quando, improvvisamente, tutto ciò che lo circondava esplose. Subito l'ufficiale si rese conto che c'era di mezzo un pericoloso criminale e decise così di combatterlo e di chiuderlo in cella. Non si capisce bene se questo gioco sia una conversione o un'opera a sè stante: in entrambi i casi il risultato è veramente pessimo. La grafica è stata completamente mutata rispetto al titolo da sala, il nostro eroe è piccolo e irriconoscibile, i suoi nemici sembrano essere praticamente tutti uguali. Anche le diverse location che andrete a visitare sono difficilmente riconducibili all'arcade originale: sono deludenti, poco colorate e senza un minimo di dettaglio. L'unica cosa simile a ciò che si è giocato nell'originale sono forse i boss, che nonostante siano realizzati in modo imbarazzante, almeno si ispirano al vero E-SWAT.Le zone che dovrete visitare sono: -La città: il vostro compito qui sarà quello di liberare la piccola Cindy che è stata rapita dagli assassini. Ad ostacolarvi nel vostro intento troverete orde di nemici armati di coltelli e fucili. Il boss è un tipo grasso e tozzo chiamato Rolling Man che vi sputerà in continuazione delle palle di fuoco. Soltanto dopo averlo sconfitto combatterete col vero sequestratore della piccola Cindy: Nasty Nick, un tipo alto e snello che vi attaccherà con un boomerang elettrificato. Già da questo primo round si può capire lo stravolgimento fatto a questo gioco rispetto all'arcade: tralasciando la realizzazione grafica che come ho detto precedentemente è veramente terribile, anche la storia è totalmente sballata visto che lo stesso Nasty Nick era originariamente il boss del secondo livello. -Entrate nella zona nemica: se siete riusciti a superare la prima orda di nemici sarete promossi a E-Swat. Avrete così una protezione supplementare grazie all'abito che vestirete, che risulta più adatto ai combattimenti. Passando sui tetti e sconfiggendo tutti i nemici che incontrerete vi infiltrerete nella base nemica dove dovrete sconfiggere altri due boss: Fireman che utilizzerà il suo lanciafiamme (non molto diverso da Rolling Man....) e Rocket Man che ha in dotazione un lanciamissili. Anche questo livello stravolge l'intero gioco, anzi si può affermare proprio che questo livello non era proprio presente nel titolo originale. -Pericolo al molo 36: una volta conquistata la base nemica dovrete dirigervi verso il molo aggrediti da feroci assalitori e da aggressive donne. Il vostro obbiettivo sarà quello di prendere possesso dell'intero molo visto che il vostro quartier generale vi ha informato che molto probabilmente il covo di Balzar si trova proprio lì. Il boss di questo livello è un robot gigante capace di emettere un raggio laser veramente potente quindi dovrete prestare la massima attenzione se non vorrete finire arrostiti. -Confini nemici: distrutto l'imponente Cyborg vi ritroverete nei magazzini, ormai vicinissimi al covo del vostro grande nemico. Qui incontrerete i nemici più cattivi e crudeli che cercheranno di uccidervi in ogni modo. Inoltre dovrete prestare molta attenzione anche ad alcune trappole laser e ai teschi volanti. Per ultimo vi troverete faccia a faccia con i terribili gemelli Chameleon! Questi sono velocissimi e sono protetti da massicce armature: sarà fondamentale schivare i loro colpi ed attaccarli nel momento in cui abbasseranno la guardia. Solo dopo averli uccisi combatterete col temibile Balzar. I difetti di questo gioco non sono riconducibili solo all'aspetto grafico, ma toccano praticamente ogni reparto: il suono risulta nettamente inferiore alla controparte arcade: è del tutto anonimo, poco ispirato e non coinvolge minimamente il giocatore. Il risultato è che alla fine di ogni partita o di ogni livello non ricorderete minimamente la musica che vi ha accompagnato. Gli effetti sonori, oltre ad essere campionati male e ad essere poco credibili, sono pochissimi: si può riconoscere solamente il suono dello sparo e dei nemici che scompaiono, veramente troppo poco. La giocabilità di questo titolo è praticamente nulla per colpa di un livello di difficoltà stratosferico: i nemici appaiono su schermo continuamente sia davanti che dietro di voi, evitare i loro colpi sarà quindi impossibile. Oltre a questo va anche detto che il numero dei cattivi è illimitato: questi una volta uccisi riappariranno immediatamente facendovi terminare i colpi della vostra arma in pochissimo tempo e rendendovi così impossibile il proseguire della vostra avventura. Anche i controlli non sono il massimo dato che ho riscontrato nel nostro protagonista una certa lentezza nei cambi di direzione e questo porta ad essere ulteriormente colpiti dai nemici. La longevità del titolo è medio-bassa ed è forse questo il vero motivo della scelta dei programmatori di rendere il gioco molto difficile, così da impegnare il giocatore a lungo nonostante che il gioco sia suddiviso in soli 5 schemi anche piuttosti limitati nella loro lunghezza. Purtroppo l'elevata difficoltà porterà molto presto all'esasperazione e alla seguente scelta di abbandonare del tutto questo deludente gioco.

Conclusioni

Siamo di fronte alla conversione peggio riuscita per questa console. In realtà il gioco c'entra veramente ben poco con l'arcade originale tanto che sul box non è neppure riportata la dicitura "arcade" ed il mio consiglio è quello di starne assolutamente alla larga.


Commenti