Recensione

HORIZON ZERO DOWN

Pubblicato da longx 7/03/2017 - 16:29

Eccoci finalmente a parlare della nuova fatica di Guerrilla Games, approdata in esclusiva sulla piattaforma Sony PlayStation 4. Horizon è un gioco carismatico, capace di prendere il fruitore dai primi momenti di gioco attraverso una trama affascinante ed un'ambientazione tanto bella, quanto incredibile, il tutto contornato da un mondo completamente vivo ed incredibilmente reale. NON SOLO CARISMA: Horizon non ha solo un tratto iper realistico per quato riguarda la vastissima presenza di paesaggi e di Km percorribili in una mappa aperta ed incredibilmente enorme, ma sa essere un buon gioco soprattutto per ciò che riguarda la vastissima gamma di cose da fare all'interno del mondo di gioco, infatti, oltre alle quest principali Horizon è ricchissimo di quest secondarie che vanno ad intrecciarsi (alcune di più alcune meno) con la storyline principale. Si viene proiettati all'interno di un mondo dove la natura ha sopraffattio ciò che l'uomo ha sconsideratamente creato, in una miscela di post apocalittico e natura incontaminata. LEGGENDA TRIBALE: Horizon ci fà vivere la storia attraverso gli occhi di Aloy, bambina e poi ragazza che si trova ad affrontare non solo una terra selvaggia per via di ciò che è sfuggito di mano all'uomo in passato, ma essendo emarginata, lotta con se stessa ed avolte contro se stessa, per dimostrare di essere parte integrante della tribù. La forza di volontà della fanciulla ci porterà ad incredibili risvolti contenutistici della trama, capaci di trasmettere forti emozioni al fruitore e tenerlo incollato allo schermo, rimanendo affascinato dell'incredibile solidità di una corposa drammaturgia e sceneggiatura. I conflitti della protagonista sono tanti, e molto spesso ci si immedesima nei pensieri e nei dubbi a cui Aloy si troverà davanti. Un mondo crudele ed incontrollato, dove natura e macchine sono i padroni, lasceranno il segno per tutta la storyline che sarà costantemente avvolta nel mistero riguardante il passato della nostra beniamina e dell'umanità, e lascia spiazzato ed inciso nella mente del giocatore, se quel mondo senza pietà che abbiamo davanti ai nostri occhi, è solo una conseguenza degli atti dell'uomo, o l'uomo stesso (volontariamente o meno) un artefice occulto. MILK SHAKE DI ESPERIENZE: Horizon ahimè non sà esere innovativo tanto tecnicamente, quanto contenutisticamente, il perchè è presto detto; nonostante il gioco dimostri l'eccellenza dal punto di vista grafico, donando scorci mozzafiato e paesaggi iper realistici, il gameplay (pressochè perfetto), però risulta un mix di esperienze già vissute in altri giochi, Guerrilla sembra aver preso tutto ciò che di bello ci ha fatto vivere con innovazione il mondo videoludico in passato a livello di gameplay tecnico, e che abbia ottimizzato e messo insieme il tutto per lo sviluppo di Horizon, infatti, partiamo dal un asciuttissimo sistema di crafting (mai fulcro principale del gameplay e mai frustrante) a veloci attacchi in mischia, passando per l'opportunità di un'esplorazione dinamica attraverso cavalcature domabili, ed un ottimo sistema strategico nel battle system fino un sistema di skill per apprendere abilità, insomma, il nuovo gioco di Guerrilla sà essere eccellente in ciò che riesce ad offrire, ma non innovativo quanto i contenuti drammaturgici che apporta, riuscendo così ad essere fruibile dal giocatore, senza apportare nulla di eccessivamente innovativo. MENTE UMANA E CUORE D'ACCIAIO: Se con le macchine, i combattimenti oltre ad essere frenetici e coinvolgenti mostrano un'ottima interazione comportamentale per quanto riguarda l'intelligenza artificiale dei nemici, non si può dire lo stesso per ciò che riguarda i cobattimenti con gli altri esseri umani, gli uomini che popolano quelle terre, in fase di combattimento appaiono deboli come intelligenza artificiale e non del tutto eccezionali. SUONI DI UNA NATURA ARTIFICIALE: Il mondo incredibilmete vivo che ci circonda in Horizon Zero Down mostra un gradevolissimo comparto sonoro, dai rumori della natura più selvaggia e degli ambienti aperti, sino ai versi ed ai rumori meccanici delle macchine, che danno una certa soddisfazione durante i combattimenti, e che in diverse sessioni di gioco, non è mai risultato monotono o stancante, ma tutt'altro, incredibilmente coinvolgente. Piccola nota dolente è il doppiaggio italiano, a parere prettamente personale, poteva essere implementato molto meglio, non solo a livello di sincro con le animazioni del gioco, ma anche come interpretazione dei doppiatori stessi, che alcune volte risulta essere non molto credibile. Non mancano di certo le colonne sonore, composte da suoni tribali che si sposano benissimo con l'atmosfera del gioco.

Conclusioni

Horizon Zero Down sà essere un gioco che nonostante come detto in precedenza non porti chissà quale innovazione, si fà godere bene attaverso una trama ben costruita ed un gameplay intuitivo e ben realizzato. Il motore grafico regala tanta soddisfazione visiva e concretezza a livello tecnico nel rendering di ciò che viene mostrato a schermo. Consiglio a chiunque sia in cerca di un buon gioco ricco di contenuti drammaturgici, un approccio a questo titolo tanto immenso quanto affascinante.


Commenti