Recensione

Halo 5 Guardians - Arena Multiplayer beta

Pubblicato da Jurik360 23/12/2014 - 19:15

Grazie ad un generoso invito siamo riusciti a scaricare i quasi 11Gb della Beta Arena Multiplayer di Halo 5: Guardians in tempo per poterla giocare da venerdì 19, esattamente alle ore 22.00, nel periodo di prova anticipata. Puntuale sullo scoccare delle dieci ero li, con uno sparuto numero di giocatori (gamertag familiari di altrettante testate specialistiche) a testare la mappa Truth, remake di una delle mappe più amate di tutto il franchise e della mappa Empire. Modalità Massacro e violenti scontri ravvicinati: i primi minuti di gioco, non lo nascondo, hanno visto alcuni fastidiosi problemi con il lag (aggravati dal fatto che i server non erano di certo "carichi"...). Nonostante questo i match si susseguano numerosi, ma resta evidente che alcuni giocatori sono fortemente avvantaggiati dal ritardo del server, mentre altri, come il sottoscritto,vedono il proprio Spartan compiere azioni in differita (come il lancio delle granate che avviene un secondo abbondante dopo aver pigiato il relativo bottone..inammissibile!). Già dal secondo giorno le cose iniziano a farsi interessanti e il lag è quasi del tutto scomparso; il gioco gira fluido e generoso nelle rapide schivate, negli attacchi corpo a corpo e nei colpi alla testa da grandi distanze. Il focus delle due mappe che ci vengono offerte Truth e Empire) è incentrato sugli scontri di squadra (4 vs 4, classici Red e Blue) e il dominio di armi energetiche (su Truth si tratta di una micidiale spada energetica, mentre su Empire si tratta di un fucile da cecchino). Trovarsi nella zona di spawn di queste armi non è una buona cosa, ma è evidente che il controllo delle stesse (specie della spada) da un grande vantaggio al team che la possiede, a patto di saperla sfruttare a dovere. Avere a che fare col multiplayer di Halo dopo parecchio tempo è per me un tuffo nel passato, nel mondo degli arena shooter competitivi che oggi, salvo gruppi di accaniti nostalgici, ha lasciato il posto ad ambienti vasti, gadget di ogni sorta, ma anche strategia, classi differenti etc.. Il mondo degli sparatutto si è evoluto enormemente e il genere è andato in direzioni diverse...tuttavia questa marcia indietro di Halo 5 sono sicuro farà felici non poche persone (e non solo i nostalgici di cui sopra): è davvero bello vedere ancora vivo e pulsante lo spirito Spartan, nonostante questo titolo abbia subito anch'esso un bel restyling al gameplay. I movimenti del giocatori sono i più interessati dal cambiamento: sono più veloci, gli strafe coinvolgono tutte le direzioni e possono anche essere usati per avvicinarsi in scivolata ad una copertura, per caricare l'avversario o compiere micidiali picchiate dall'alto. Le armi presenti in beta come le mappe, sono solo una manciata...questo è solo un assaggio della beta open che inizierà il prossimo 29 dicembre. Le partite che ho giocato denotano una grande frenesia, un solido gameplay a squadre in spazi ridotti e la prova, seppur breve, lascia ben sperare per il gioco definitivo.

Conclusioni

Questo breve assaggio mi ha soddisfatto ma lasciato molti dubbi: forse è proprio questa curiosità che mi avvicinerà nuovamente alla beta di Halo 5 Guardians. Restate sintonizzati per l'aggiornamento dell'articolo allo scoccare della prossima Beta che porterà ben 6 mappe e tre modalità, oltre a nuove armi ancora non annunciate. I server sono stati rodati: ora diamo il via alle danze!


Commenti